SULLA SPIAGGIA CON L’OMBRELLONE FOTOVOLTAICO

sunbrella.gif1 giugno 2010 – Con l’estate alle porte cresce la voglia di vacanza. In attesa della scorpacciata di agosto, milioni di persone approfittano dei weekend per riversarsi sulle spiagge e godersi le prime abbronzature. Considerando però che le spiagge sono una delle zone a maggiore irraggiamento solare, non è sprecato pensare al sole solo come un mezzo per ottenere un’uniforme tintarella?

Anche perché il sole è una fonte di energia inesauribile e soprattutto a costo zero. La soluzione viene dagli ombrelloni fotovoltaici, che alla classica funzione di riparo uniscono quella di fornire energia pulita. Un esempio? L’ormai celebre Sunbrella, ideato dal designer Greg Freer, insignito del prestigioso Red Dot Concept Design Award. Un ombrellone fotovoltaico di quasi 2 metri di diametro, composto da 6 moduli fotovoltaici, per una potenza complessiva di circa 282 Watt. Quanto basta per alimentare un mini-frigo, un piccolo ventilatore, il nostro notebook, un laptop o il nostro smarfonino.

 

Fonte: zeroemissioni.tv

SULLA SPIAGGIA CON L’OMBRELLONE FOTOVOLTAICOultima modifica: 2010-06-02T22:54:24+02:00da piero_aloia
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “SULLA SPIAGGIA CON L’OMBRELLONE FOTOVOLTAICO

  1. Avete sentito dell’albergo fatto di rifiuti a Roma? Si chiama Corona Save the Beach Hotel e sarà “aperto” dal 3 al 6 di giugno 2010, accanto a Castel Sant’Angelo, a Roma… Per una notte ci dormirà Helena Christensen, una bellissima top model… Se vi interessa potete dare un’occhiata qui: http://www.coronasavethebeach.org. Tra l’altro c’è anche un concorso per salvare la spiaggia più degradata d’Italia!

  2. Corona Save the Beach Hotel è l’evento clou della campagna 2010 della Corona Extra ma non è l’unico… Sono contento che anche
    quest’anno ripuliranno una spiaggia. Queste campagne sono molto utili per sensibilizzare la gente sul tema dell’ecologia

Lascia un commento