“Photon Inside” la vernice fotovoltaica

 

Nonostante la cenergia,rinnovabili,fotovoltaico,vernice,imbiancatura,novità,casa,abitazione,autorisi degli ultimi anni, il settore delle  ricerche tecnologiche è  in continuo fermento,  soprattutto per tutte quelle innovazioni legate alle energie rinnovabili. Molte di queste invenzioni sono già in commercio ma come è successo per la vernice fotovoltaica applicabile su tutte le superfici, non sono pubblicizzate.

La vernice innovativa, inventata lo scorso anno  da  F.Cappelli, A.Maroscia e S.Segato e l’Istituto per i materiali nanostrutturati (ISMN),  si  chiama Photon inside e il progetto che ruota attorno a questa si preannuncia come una vera rivoluzione nel mondo delle energie rinnovabili. il CNR di Bologna sta effettuando una serie di test per il perfezionamento della durata della vernice ( portando a oltre i 10 anni la vita attuale del prodotto). Il rendimento energetico di questo prodotto non è affatto male considerando la sua estrema adattabilità, infatti, da 50 mq di questa vernice si producono  oltre  3 kWp di energia, Inoltre, anche il costo è interessante, circa 200 € al metro quadro.

 

Paragonandola agli attuali sistemi fotovoltaici, questa vernice sembra offrire enormi vantaggi, tra i tanti il basso impatto architettonico e ambientale, resistenza agli agenti atmosferici, nessun rischio di furto, possibilità di essere applicata su grandi superfici di tutti i tipi, anche su un vetro.

In pratica ogni superficie esposta alla luce può, grazie a questa tecnologia, iniziare a produrre elettricità, inoltre, la vernice si rende indispensabile in tutti quei settori dove la condizione fondamentale è la leggerezza (nautico, aerospaziale, automotive).  Per il momento la sua comparsa sul mercato avverrà nel campo navale, dove l’energia sarà sfruttata per alimentare apparecchiature di bordo e motore in caso di emergenza.

 

Piero Aloiaenergia,rinnovabili,fotovoltaico,vernice,imbiancatura,novità,casa,abitazione,auto

“Photon Inside” la vernice fotovoltaicaultima modifica: 2012-12-15T14:16:20+01:00da piero_aloia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento