Energia dal nulla

 

Solo in apparenza, perché,  come Aristotele, Eraclito e Lavoisier ci insegnano, nulla si crea nulla si distrugge, ultimamente però, alcuni  studi portati avanti dai membri dall’americana Georgia Tech, hanno portato alla scoperta di apparecchi in grado di fornire energia elettrica senza avere una fonte di produzione apparente, e quindi, miracolosi agli occhi dei profani.

Questi scienziati, sono riusciti a mettere a punto un dispositivo capace di trasformare le onde elettromagnetiche in energia, captandole dall’aria. Per intenderci, tutti i giorni siamo circondati da onde elettromagnetiche, quelle radio, il segnale della rete wireless, le emissioni degli elettrodomestici, i segnali televisivi, insomma, tutto quello che comunemente viene chiamato elettrosmog, questo apparecchio lo riesce a riciclare ritrasformandolo in energia primaria.

 

Grazie a una stampante del tutto simile a quelle che giornalmente utilizziamo, il professor Manos Tentzeris e i suoi collaboratori, utilizzando un inchiostro alle nano particelle di argento, hanno realizzato un sensore di temperatura alimentato dalle onde elettromagnetiche, il sistema è molto simile all’antitaccheggio dei grandi magazzini, costituiti da una piccola antenna che riesce a inviare un segnale pur non essendo alimentata.

Ad oggi, spiegano gli studiosi, si parla di conversione di piccole quantità di energia ma in futuro sarà possibile caricare i cellulari, i tablet e le altre indispensabili propaggini elettroniche.

Al momento gli scienziati puntano alla costruzione e messa in commercio di apparecchi medicali diagnostici indossabili, circuiti sottili e leggeri come un foglio di carta alimentati dall’elettromagnetismo ambientale.

Che dire, in attesa di liberarci dai cavi, i carica batterie e poter usare, senza l’inquietudine della spia lampeggiante, i nostri amati accessori elettronici, speriamo solo che in futuro, non ci facciano pagare anche l’aria, in quanto vettore di energia.

Energia dal nullaultima modifica: 2013-03-04T15:49:00+01:00da piero_aloia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento